Gli interventi edilizi e i diversi tipi di procedure autorizzative

Il Punto di riferimento è Testo Unico dell’Edilizia (d.p.r. 380/2001), che all’articolo 3, definisce  i vari tipi di interventi edilizi, suddividendoli in:

  • interventi di manutenzione ordinaria
  • interventi di manutenzione straordinaria
  • interventi di restauro e di risanamento conservativo
  • interventi di ristrutturazione edilizia
  • interventi di nuova costruzione, di trasformazione edilizia e urbanistica del territorio
  • interventi di ristrutturazione urbanistica

Pertanto le varie procedure autorizzative sono:

La Comunicazione di Inizio Lavori (C.I.L.)

Nel caso di lavori di manutenzione ordinaria

Comunicazione Inizio Lavori Asseverata (C.I.L.A.)

Nel caso di interventi di manutenzione straordinaria.

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.)

Per altri interventi di manutenzione straordinaria e nel caso di interventi di ristrutturazione edilizia, restauro e risanamento conservativo.

Denuncia di Inizio Attività (D.I.A.)

La  Denuncia di Inizio Attività (D.I.A.), che rimane però in vigore come procedimento alternativo al permesso di costruire in certi casi .

Permesso di costruire

Il permesso di costruire si usa nel caso di interventi edilizi massicci, come per esempio nuove costruzioni, ampliamenti o ristrutturazioni urbanistiche.

 

Per la Regione Lombardia  è utile consultare il  Decreto 2456/2017, testo unico sull’efficienza energetica degli edifici.